Pregrafismo nella scuola dell’infanzia: si o no?

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Nella scuola dell’infanzia esiste una diatriba fra i sostenitori e gli oppositori del pregrafismo.

Imparare a scrivere è un’attività complessa, per la quale il bambino deve sviluppare delle abilità sia cognitive che manuali, come la capacità di coordinare il movimento degli occhi e delle mani, di impugnare in modo corretto la penna o la matita, di imparare a rispettare i margini del foglio di carta; in altre parole il bambino si imbatte a compiere gesti che prima di allora non aveva sperimentato.

pregrafismo

Qual è la definizione di pregrafismo?

Si tratta di esercizi di diversa natura che mirano ad affinare nel bambino una capacità oculo-manuale come base per lo sviluppo della scrittura.

Esistono due filoni di pensiero:

Contrari al pregrafismo

Sostenitori della scrittura spontanea ed immediata, contrari al pregrafismo inteso come esercizi di completamento che vanno a limitare la creatività e la fantasia del bambino ma favorevoli ad attività che sviluppano la cosiddetta manualità fine.  

Ecco un esempio di attività di pregrafismo:

  • Il gioco Shanghai: consiste nel mettere in un piattino di plastica in modo casuale dei bastoncini, colorati precedentemente di tre colori diversi (es. rosso, blu, giallo). Il bambino dovrà prendere i bastoncini del medesimo colore senza muovere quelli vicini e sottostanti
  • L’assemblaggio di viti, bulloni, chiodini e oggetti combinabili tra loro: lasciare che i bambini diano sfogo alla loro fantasia e assemblino i vari pezzi in maniera autonoma e libera.
  • La pasta da modellare: per sviluppare la manualità fine fate giocare i bambini con la pasta da modellare, facendogli ad esempio realizzare delle piccolissime palline, si divertiranno un sacco!
pregrafismo

Sostenitori del pregrafismo

Di questo gruppo fanno parte tutti quegli insegnanti o educatori che ritengono sia giusto preparare i bambini alla vita dei banchi di scuola, proponendo schede da compilare, come:

  • Disegni da colorare all’interno dei margini
  • Disegni e percorsi da tratteggiare con la matita
  • Percorsi associati a colori
  • Esercizi di completamento delle figure
  • Tratteggio di linee, curve e forme geometriche, ecc

In realtà sin dai primi mesi di vita nel bambino è visibile un’abilità di pregrafismo innata, come lo scarabocchio: rappresentazione mentale ed emotiva del bambino. Per tale motivo il pregrafismo risulta essere nient’altro che la traccia della sua esistenza nell’ambiente circostante.

Lo scarabocchio immediato e spontaneo rappresenta per il bambino un mezzo con il quale manifesta le sue emozioni di gioia, aggressività e paura.

Ecco che saranno evidenti segni di maggiore intensità quando si sentirà aggressivo, curve che si espandono e si modellano in modo dolce e armonioso quando sarà felice e piccoli segni quando avrà paura.

pregrafismo

Il pregrafismo è un’abilità che il bambino manifesta fin dai primi mesi di vita e non richiede competenze, in quanto spontanea, mentre la scrittura prevede buone capacità di coordinazione visiva e motoria e di un’organizzazione spaziale che il bambino raggiunge verso i 5-6 anni di vita. Se questo è vero la ragione forse sta nel mezzo. Incanalare i bambini della scuola dell’infanzia in percorsi propedeutici alla scrittura risulta essere un’attività utile se vissuta in modo ludico e sereno, ma senza esagerare. 🙂

Non pretendete che i vostri bambini siano piccoli geni e soprattutto non paragonateli ad altri coetanei, ognuno di noi è unico e se un bambino è più aperto a certe esperienze ce n’è un altro che ha bisogno di tempo. 

Rousseau diceva: “Bisogna perdere tempo per guadagnarne”.

Quello che a volte ci pare come tempo perso è in realtà il modo migliore per favorire i processi di apprendimento e di crescita del bambino.

Cosa fare?  Rispettate i suoi tempi senza sforzarlo ed utilizzate le schede di prescrittura con  molta moderazione, presentandole sempre come gioco. 

Cosa trovi in Smart Tales

Che siate favorevoli o contrari al pregrafismo, allenare la motricità fine della mano non può che far bene. Provate con i vostri bambini le attività del racconto “Luna incontra Mauritius!” della serie ambientata nello spazio, per allenare attenzione visiva e motricità fine. Per scrivere correttamente i numeri, immergetevi nelle avventure di “Leo e Terry i ballerini”nell’oceano più profondo.

Luna incontra Mauritius
Leo e Terry i ballerini

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

CHI SIAMO

La passione per le STEM inizia da piccoli! Aiutiamo i genitori di bambini curiosi con spunti utili e tante curiosità sulle scienze e la tecnologia per crescere le menti brillanti di domani. 

Smart Tales è un’app pluripremiata creata da esperti educatori che insegna le materie scientifiche ai bambini 3-6 anni.

Iscriviti alla nostra newsletter

Resta aggiornato sui nostri contenuti!

Articoli recenti

Iscriviti alla newsletter ;)

Resta aggiornato e non perdere neanche un articolo!

Potrebbe interessarti anche

Scarica Smart Tales gratis!